Scoprire la storia del quartiere di Gràcia

Vivere nel quartiere di Gràcia è stato e continua ad essere uno dei sogni giovanili di molti giovani, studenti e bohémien.

L’unicità del quartiere, con le sue strade strette e l’atmosfera da piccola città, è immediatamente accattivante. L’aria vivace, l’offerta commerciale e lo spirito di protesta sono altre attrazioni di questa zona di Barcellona, che sta diventando un’attrazione turistica.

[Video di OK Apartment Barcelona ]

Gracia è sempre alla moda e questo si percepisce fin dal primo momento. Le sue piazze e le sue stradine sono piene di gente a tutte le ore del giorno. Fin dalle prime ore del mattino, la stazione della metropolitana di Fontana diventa un punto di incontro per centinaia di persone locali e straniere. Da lì, gruppi di turisti si dirigono verso la casa di Carolinas, recentemente restaurata
casa delle Caroline
uno dei principali edifici modernisti della città. Altri salgono al
Parc Güell
o si aggirano per le stradine per godersi l’atmosfera del quartiere, bere qualche birra in una delle sue piazze o curiosare nei negozi di Gran de Gràcia.

[ Video da #0 ]

 

I visitatori vengono da lontano. Molti di loro alloggiano in hotel del centro di Barcellona e raggiungono il quartiere a piedi o con i mezzi pubblici. La vicinanza al famoso Paseo de Gracia e all’Eixample lo consente. Non è necessario prendere i mezzi di trasporto, con un po’ di voglia di camminare si può raggiungere il quartiere in meno di mezz’ora.

Il Paseo de Gracia, in particolare, ospita un’ampia gamma di hotel di prima categoria. Basta visitare il sito web Iberostar.com. Il suo nuovo stabilimento su questa emblematica passeggiata occupa un edificio neoclassico con più di 70 anni di storia. Ma una delle sue principali attrazioni si trova sul tetto, da cui si gode di una vista spettacolare su Barcellona.

Un bilancio della storia di Gràcia

Il quartiere di Gràcia iniziò a prendere forma nel XIV secolo, quando si cominciarono a costruire chiese e monasteri fuori dalle mura di Barcellona. Uno dei punti scelti è stata la zona della “piana di Barcellona”, in particolare la strada che collega il centro con la città di Sant Cugat. Intorno a questa strada, oggi conosciuta come Carrer Gran de Gràcia, si insediarono diversi ordini religiosi e vennero costruite diverse fattorie per l’agricoltura. Era anche il luogo scelto da molte famiglie dell’alta borghesia per costruire palazzi signorili e case estive.

[Video di DIAEspaña]

Durante il XIX secolo, Gràcia conobbe un periodo di espansione geografica e industriale. La mancanza di terreni nella zona murata portò alla ricerca di spazi in cui insediare le fabbriche, e Gràcia fu una delle destinazioni prescelte. Intorno a questa attività, principalmente tessile, si creò un nucleo di lavoratori che finì per stabilirsi nel quartiere. Anche i lavoratori del resto della città che avevano bisogno di un alloggio venivano inviati lì. Questo fu il seme di un attivismo sociale e operaio che è durato nei secoli.

Nel 1850 Gràcia divenne un comune indipendente. Questo ha dato origine a un’espressione popolare che vive ancora oggi: per molti anziani, recarsi in centro città significa “scendere a Barcellona”. All’epoca Gràcia contava 13.000 abitanti, nel 1877 erano già 33.000 e alla fine del XIX secolo la cifra aveva raggiunto i 62.000 abitanti.

Nel 1880 Barcellona e Gràcia videro la necessità di annettersi e vennero stabiliti progetti di interesse comune. Lo sviluppo del Paseo de Gracia ha stabilito il collegamento definitivo tra le due aree. Nel frattempo furono create vie di collegamento interne tra le diverse zone di Gràcia e furono costruite le prime infrastrutture e mercati per rifornire la popolazione: il mercato di Abacería sulla Travessera de Gràcia e il mercato di Llibertat vicino a Plaça Gala Placídia. L’unione definitiva avvenne nel 1897, dopo 47 anni di autonomia.

Un quartiere con personalità

I processi di industrializzazione non hanno messo fine al carattere rurale dell’area. Una delle attività mantenute era il commercio di bestiame, che concentrava la popolazione zingara intorno alla piazza di Raspall. Tra la fine del XIX e la metà del XX secolo, i gitani condividevano gli spazi con i ricchi indianos appena arrivati da Cuba. Dalla fusione di ritmi caraibici e flamenco è nata la rumba catalana, un altro segno distintivo del quartiere di Gràcia.

Il passare degli anni non ha intaccato la personalità del quartiere. Gracia mantiene una vivace e prolifica attività associativa e culturale e un marcato senso di autonomia del quartiere. L’assetto urbanistico del centro storico è rimasto invariato. Le strade strette e le piazze fiancheggiate da bar ricordano il carattere di questo antico villaggio. Forse la differenza maggiore tra il passato e il presente è la crescente presenza di turisti stranieri, soprattutto durante le famose Festes de Gràcia.

Ulteriori informazioni:

Iberostar.com

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.